Pubblicato il: 02 Maggio, 2021  3776

L’Arcigay tuona contro Pio e Amedeo: “È inaccettabile quello che hanno detto”

Il vicepresidente dell'associazione ha risposto al monologo del duo foggiano fatto a Felicissima Sera

L’Arcigay tuona contro Pio e Amedeo: “È inaccettabile quello che hanno detto”

Il vicepresidente dell'associazione ha risposto al monologo del duo foggiano fatto a Felicissima Sera


Da qualche giorno, Felicissima Sera ha chiuso ufficialmente i battenti registrando ascolti mostruosi. Il programma di Pio e Amedeo è stato, infatti, una vera e propria rivelazione che ha regalato qualche ora di spensieratezza al pubblico italiano. Tuttavia, nel corso delle puntate, non sono mancati momenti di forte perplessità, specie riguardo l’ultimo monologo sui gay. Il duo foggiano ha fatto intendere che conta l’intenzione di chi dice “ricchi**e”, e non la parola. Sta di fatto che l’associazione Arcigay è intervenuta sul caso.

Pio e Amedeo: il monologo sui gay

In occasione dell’ultimo appuntamento di Felicissima Sera andato in onda il 30 aprile 2021, Pio e Amedeo hanno dato sfogo ad un altro monologo molto deciso. Questa volta si è parlato dell’uso di alcune espressioni, quali “ne*ro” e “ricchi**e”. I due, tra una battuta e l’altra, hanno fatto sapere che è l’intenzione che conta: “Non si può più dire la parola ricch**ne, devi dire per forza gay. La verità è che conta l’intenzione. Se uno vi vuole offendere con questi termini ridetegli in faccia”. Le loro affermazioni, tuttavia, hanno diviso il web. Sebbene una fetta ha concordato con il duo foggiano, altri hanno fatto sentire il proprio malcontento.

Pio e Amedeo e il retroscena su “Lol – Chi ride è fuori”: uno dei due ha rifiutato? Il duo comico foggiano avrebbe rifiutato il comedy show di Amazon per non partecipare separatamente


Pio e Amedeo: l’Arcigay interviene

Ad intervenire sulle parole di Pio e Amedeo ci ha pensato persino il vicepresidente dell’Arcigay di Roma, Pietro Turano. Quest’ultimo ha rilasciato un’intervista a Fanpage dove ha sostanzialmente bacchettato il duo foggiano. Ha, infatti, asserito che non intende accogliere insegnamenti sulle reazioni che i gay dovrebbero avere da altri che non hanno mai vissuto sulla propria pelle delle discriminazioni o situazioni di questo genere. Inoltre, sui gay che sono sensibili, Pietro ha affermato che di solito gli omosessuali non se la prendono, ma a tutto c’è un limite. Ecco le sue parole: “Ci siamo rotti di sentire parlare di noi in tv da 40 anni sempre e solo in questo modo”.

A “Felicissima sera”, Pio e Amedeo sbeffeggiano Gianni Sperti: la reazione dell’opinionista Il duo comico, al debutto nel nuovo varietà Mediaset, hanno preso in giro l'opinionista di Maria De Filippi a Uomini e donne

Pio e Amedeo: la questione Gay Pride

Nel corso dell’ultima puntata, Pio e Amedeo hanno parlato anche del Gay Pride che da anni si presenta nelle strade di tutte le città italiane. A tal proposito, il duo foggiano ha spiegato: “E’ possibile che nel 2021 ci sia ancora il Gay Pride? Allora anche noi eterosessuali dobbiamo manifestare e elogiare la f**a”. E ancora: “Vi immaginate, noi con uno striscione su scritto ‘viva la f**a’”.

Pio e Amedeo sotto inchiesta: la battuta sul catcalling divide il web Il duo foggiano ha fatto una battuta che non è piaciuta al web che ha condannato il catcalling.

A questa domanda, Pietro Turano ha risposto senza peli sulla lingua: “Il Gay Pride non è una mobilitazione inutile, è un’occasione anche per tanti ragazzi per prendere coraggio, riconoscersi e dichiararsi”.

CATEGORIE News