Aggiornato al: 22 Novembre, 2023  10126

Omicidio Giulia Cecchettin, Filippo Turetta dopo l’arresto: “Volevo farla finita”

Dopo l’omicidio dell’ex fidanzata Giulia Cecchettin, Filippo Turetta rivela i suoi pensieri più oscuri ai poliziotti tedeschi

Omicidio Giulia Cecchettin, Filippo Turetta dopo l’arresto: “Volevo farla finita”

Dopo l’omicidio dell’ex fidanzata Giulia Cecchettin, Filippo Turetta rivela i suoi pensieri più oscuri ai poliziotti tedeschi


Filippo Turetta, arrestato in Germania dopo l’omicidio della sua ex fidanzata Giulia Cecchettin, ha confessato ai poliziotti di aver pensato più volte al suicidio. Ferito e disperato, ha vagato per giorni cercando il coraggio di porre fine alla sua vita. Questa è la storia di un uomo che, dopo aver commesso un atto orribile, si è trovato a fronteggiare la realtà delle sue azioni, per le quali dovrà rendere conto alla giustizia italiana.

Le parole di Filippo Turetta dopo la cattura

Turetta dopo l’arresto Filippo Turetta, dopo l’arresto, ha rivelato ai poliziotti tedeschi di aver pensato più volte al suicidio. “Ho ammazzato la mia fidanzata, ho vagato questi sette giorni perché cercavo di farla finita, ho pensato più volte di andarmi a schiantare contro un ostacolo e più volte mi sono buttato un coltello contro la gola ma non ho avuto il coraggio di farla finita”, ha detto Turetta agli agenti tedeschi.

“Ho ucciso la mia fidanzata”: le prime parole di Filippo Turetta alla polizia. Via libera all’estradizione Dopo l'arresto in Germania, il Tribunale di Naumburg approva l'estradizione di Filippo Turetta, accusato di aver ucciso la sua ex fidanzata Giulia Cecchettin


Il commento dell’avvocato Compagno

L’avvocato della famiglia Turetta, Emanuele Compagno, ha commentato a Fanpage.it le parole di Filippo. “Queste parole mostrano la sua vulnerabilità. È vittima a sua volta del gesto che ha fatto, le sue parole sono di una tale drammaticità che mi lasciano attonito. È un caso da trattare con umanità, poteva essere un altro ragazzo che potevamo aver perso”, ha detto Compagno.

Genitori di Filippo Turetta: alla disperata ricerca di risposte sul figlio Nicola ed Elisabetta Turetta si difendono dalle accuse, cercando di comprendere la tragedia di Giulia Cecchettin

Cosa sappiamo sull’omicidio di Giulia Cecchettin

Nella vettura in cui è stato trovato Filippo, sono stati rinvenuti un coltello da cucina con una lama di dodici centimetri, probabilmente l’arma del delitto, un paio di guanti e un telefono cellulare. Sono state individuate anche tracce di sangue, presenti anche sulle scarpe e sui vestiti del 22enne. Turetta si trova al momento in carcere ad Halle.

Omicidio Giulia Cecchettin, Filippo Turetta potrebbe non avere l’ergastolo: i motivi Filippo Turetta, indagato per omicidio volontario e sequestro di persona, potrebbe non ricevere la pena massima

Il tribunale tedesco ha dato nelle scorse ore il via libera al suo rientro in Italia, che potrebbe avvenire già nei prossimi giorni anche se manca una data ufficiale.

Dello stesso argomento potrebbe interessarti anche…

“Ho ucciso la mia fidanzata”: le prime parole di Filippo Turetta alla polizia. Via libera all’estradizione

“Ho ucciso la mia fidanzata”: le prime parole di Filippo Turetta alla polizia. Via libera all’estradizione Dopo l'arresto in Germania, il Tribunale di Naumburg approva l'estradizione di Filippo Turetta, accusato di aver ucciso la sua ex fidanzata Giulia Cecchettin

Genitori di Filippo Turetta: alla disperata ricerca di risposte sul figlio

Genitori di Filippo Turetta: alla disperata ricerca di risposte sul figlio Nicola ed Elisabetta Turetta si difendono dalle accuse, cercando di comprendere la tragedia di Giulia Cecchettin

Omicidio Giulia Cecchettin, Filippo Turetta potrebbe non avere l’ergastolo: i motivi

Omicidio Giulia Cecchettin, Filippo Turetta potrebbe non avere l’ergastolo: i motivi Filippo Turetta, indagato per omicidio volontario e sequestro di persona, potrebbe non ricevere la pena massima
CATEGORIE News